MX GP Orlyonok

L’ottavo GP stagionale si è disputato in Russia, sul Mar Nero, nel tracciato di Orlyonok. Con meteo ottimo ma temperature molto alte, l’impegnativa pista russa, dura e sassosa, ha ospitato il Mondiale Motocross per il terzo anno consecutivo.
Nella categoria MXGP Antonio Cairoli (Red Bull KTM Factory Racing – KTM 450 SX-F) dopo aver segnato il quinto tempo nelle cronometrate, nella manche di qualifica è stato rapido all’abbassarsi del cancelletto di partenza, ed è arrivato alla prima curva nel gruppo dei primi. Quinto al primo passaggio, a metà manche era quarto quando è incappato in una caduta in una discesa, ha riportato un forte colpo alla schiena ed è stato costretto a fermarsi.
Nelle ultime posizioni al cancelletto di partenza, venticinquesimo, in gara uno è stato protagonista di una buona partenza ma ha perso diverse posizioni alla prima curva per un contatto. Sedicesimo al primo giro, su una pista molto veloce e poco selettiva, non è riuscito a rimontare se non fino alla dodicesima posizione. In gara due è stato bravo a girare alla prima curva subito a ridosso dei primi e nei primi giri era in settima posizione. A metà manche è risalito fino ad un positivo quarto posto, con quelli davanti però ormai lontani.
Ottavo di giornata, con 27 punti, non è riuscito a contenere lo sloveno Gajser (Honda) che con una doppia vittoria lo ha sopravanzato nella classifica provvisoria di campionato, e ora è in seconda posizione a tredici punti.

Cairoli: “E’ stato un weekend molto difficile su una pista dura e, la caduta di ieri in qualifica ha complicato tutto, con una posizione al cancello molto esterna. Inoltre per la botta alla schiena non guidavo bene, ero troppo rigido e ho perso feeling con la pista. Partendo dietro qui è impossibile rimontare e in gara uno ha chiuso dodicesimo. In gara due con una partenza buona mi sono classificato quarto con una buona rimonta. Abbiamo perso la tabella rossa, ma l’aspetto positivo è che non sono incappato in un infortunio, come successo purtroppo a diversi piloti oggi. Guardiamo avanti al prossimo GP”.

Nella MX2 Jorge Prado (Red Bull KTM Factory Racing – KTM 250 SX-F) è stato capace di inanellare l’ennesimo weekend perfetto. Primo nelle libere, primo nelle cronometrate, primo nella manche di qualifica e nel warm-up della domenica, lo spagnolo Campione del Mondo in carica ha coronato la lunga trasferta russa con una netta doppia vittoria. In gara uno è stato alle spalle dello svedese Olsen (Husqvarna) fino a tre giri dal termine, quando ha rotto gli indugi e lo ha superato senza lasciargli possibilità di risposta. In gara due invece è stato in testa dalla partenza alla bandiera a scacchi, raccogliendo la settima vittoria di GP stagionale (su sette GP corsi, essendo Prado stato assente in Inghilterra), la sesta vittoria di fila. Il vantaggio di Prado in testa alla classifica MX2 è ora di venti punti sul secondo (Olsen).

Jorge Prado: “Non è stato un Gran Premio facile, perché in gara uno sono partito bene ma alla pria curva ho perso diverse posizioni. A due giri dalla fine della manche ho fatto il sorpasso per il primo posto. In gara due ho tenuto alta la concentrazione, sapevo che un holeshot sarebbe stato importante ed è arrivato! E’stato così più facile vincere la manche e segnare la doppietta”.

Il prossimo GP, nono stagionale, è in programma sul tracciato sabbioso di Kegums in Lettonia il prossimo fine settimana (16 Giugno).