MX GP 13 – Semarang

Secondo GP di fila in Indonesia, il Gran Premio dell’Asia si è disputato a Semarang, grande città portuale nel Nord dell’isola di Giava. Ancora caldo, con minor umidità rispetto a Pangkal Pinang, e una pista nuova per tutti, ampia, spettacolare, veloce e dal fondo duro.
Antonio Cairoli (Red Bull KTM Factory Racing MXGP – KTM 450 SX-F) nella seconda manche di Pangkal Pinang aveva riportato in una caduta una dolorosa sublussazione al pollice della mano sinistra, ed è arrivato a Semarang con la mano ancora gonfia. Nelle prove cronometrate ha ottenuto il tredicesimo tempo ma nella manche di qualifica con una buona partenza è riuscito a classificarsi quinto. Nelle due manche della domenica ha dovuto far ricorso ad infiltrazioni di antidolorifico ed è riuscito a raccogliere un terzo ed un quarto posto, limitando bene i danni di una trasferta complicata.
Quarto di giornata, ha perso il podio MXGP per la seconda volta nel 2018, dopo la Germania. Il distacco dal leader di classifica (Herlings – KTM) è ora di ventiquattro punti dopo tredici GP.

Cairoli: “Ero molto preoccupato questa settimana perché avevo molto dolore alla mano e fino a venerdì faticavo a guidare uno scooter! Sapevo che sarebbe stato difficile correre, specialmente in questa pista così dura con atterraggi molto lunghi. Sabato ho provato a guidare senza antidolorifici e in qualifica ho fatto quinto ma la mano alla fine si è gonfiata ancora. Per domenica abbiamo deciso di fare un’iniezione e il dolore è diminuito ma solo per 15-20 minuti. La prima manche è stata buona con il terzo posto. Non mi aspettavo di poter stare nei cinque con questo problema. È stata una sorpresa. Ho fatto una ottima partenza nella seconda manche ma alla prima curva sono stato spinto un po’ fuori da Jeffrey. A metà manche ho fatto un errore su un salto, sono arrivato corto e ho sentito una fitta al pollice e ho perso diverse posizioni. Poi sono risalito fino al quarto posto. Abbiamo perso alcuni punti per il campionato, ma ci sono ancora molti GP “.

Continua la crescita di Jorge Prado (Red Bull KTM Factory Racing MX2) che ha confermato il suo momento di forma ottenendo la sua sesta vittoria di GP del 2018 (la nona in carriera) con la KTM 250 SX-F. Jorge, secondo in gara uno dietro al campione del mondo Pauls Jonass (KTM) ha vinto gara due e si è portato a pari punti con Jonass in vetta al campionato MX2. La tabella rossa è ancora nelle mani di Jonass per il maggior numero di vittorie di manche (12 contro 8).
Lo spagnolo ancora una volta ha guidato con grande tecnica e non ha commesso alcun errore nelle due impegnative giornate di gara, seguendo con applicazione i consigli del team manager Claudio De Carli.

Prado: “Ho passato un ottimo weekend. La pista subito mi è sembrata molto bella, anche se al sabato c’era un po’ di fango. Mi sono davvero divertito a guidare su questa pista e sono felicissimo di questa nuova vittoria che mi ha portato in testa al campionato a pari punti con Pauls. E’ stata una lunga rimonta e ora dobbiamo continuare così”.

Il Mondiale Motocross torna in Europa per la quattordicesima prova stagionale, tra due settimane a Loket (Gran Premio della Repubblica Ceca), il 22 Luglio.